BUN Biblioteca Universitaria di Napoli

Le fontane dei Vicerè

Le fontane dei VicerèIl percorso parte da Via Santa Chiara dove l'omonimo Complesso Monumentale, una cittadella francescana trecentesca, restituisce la storia della città, a partire dall'età greco-romana fino a quella più recente. 

Poco distante troviamo la Chiesa del Gesù Nuovo: la sua particolare facciata in bugnato catturerà lo sguardo e tanta sarà la curiosità di conoscere il suo significato esoterico come leggenda vuole.

Imboccando via Calata Trinità Maggiore si giungerà a Piazza Monteoliveto. La Fontana di Carlo II o di Monteoliveto, monumento celebrativo del re, fornisce la traccia di un leggendario tesoro nascosto.

Un altro po’ di strada e una passeggiata per via Monteoliveto farà giungere al suggestivo Complesso monumentale di Santa Maria la Nova, sede del museo ARCA, museo di arte religiosa contemporanea che rimodula la lettura dell’arte passata e presente.

Lungo Via Medina si incontra la Chiesa della Pietà dei Turchini, istituto di misericordia e importante scuola di musica. Sul lato opposto della stessa strada, a tre metri di dislivello dal manto stradale la Chiesa dell’Incoronata rimane l’unica testimonianza di palazzi nobiliari trecenteschi della zona.

Via Medina ospitava anche la Fontana del Nettuno, tra tutte quella più "raminga": oggi è a Piazza Municipio, ultima sosta del percorso. Ciò che rende unica la stessa piazza è il Castel Nuovo (Maschio Angioino),imponente fortificazione, oltre che grandiosa reggia angioina.

Percorso 3