BUN Biblioteca Universitaria di Napoli

Fontana della Tazza di Porfido

La Fontana della Tazza di PorfidoProgettata in occasione dei lavori di apertura della Villa Reale di Napoli e collocata al centro del viale vanvitelliano che ne attraversava i giardini, nel 1781 venne realizzata una grande fontana circolare a opera di Giuseppe Sanmartino raffigurante il gruppo scultoreo in stucco di Partenope e Sebeto con amorini versanti acqua. Successivamente nel 1789, per ordine di Ferdinando IV, il gruppo venne sostituito dal Toro Farnese, in una composizione che vedeva la scultura adagiata su un finto scoglio in pietra lavica, il tutto accolto da una grande vasca di fontana sul modello di quella che l’attorniava nella sua collocazione originaria nelle Terme di Caracalla a Roma. Sistemata infine nel 1826 la scultura del Toro nel Real Museo Borbonico, la struttura assunse la definitiva configurazione, ancora oggi visibile, a opera dell’architetto ticinese Pietro Bianchi che ne curò firmandolo l’assemblaggio.

Al centro della fontana, al di sopra di uno “scoglio” in pietra lavica parzialmente affiorante su cuiLa Fontana della Tazza di Porfido olio su tela trovano posto in maniera alternate conchiglie e quattro leoni in stile neoclassico, si trova una grande vasca di granito egizio ornata al centro da una testa di Medusa da cui zampilla acqua. Intorno allo spazio circolare della fontana trovano posto anche quattro busti raffiguranti simbolicamente le stagioni: rispettivamente Flora, allegoria della primavera; Cerere, simbolo dell'estate; Bacco con un grappolo d'uva, immagine dell'autunno e in ultimo un vecchio che cerca di avvolgersi nei suoi panni cenciosi, chiaro riferimento all’inverno. A funtana d’e paparelle, presente anche in un episodio della serie animata Tom & Jerry, lega essenzialmente la sua fortuna alle vicende che ruotano intorno alla Tazza egizia che troneggia al centro della struttura: è noto infatti come re Ferdinando proprio per realizzare la fontana avesse fatto rimuovere tale vasca dal centro del quadriportico normanno della cattedrale di San Matteo a Salerno, lì collocata sin dal 1085 e proveniente originariamente dal Tempio di Nettuno a Paestum, per la quale più di una volta da parte dei salernitani è stata avanzata richiesta di restituzione.

La Fontana della Tazza di Porfido Toro FarneseLa Fontana della Tazza di PorfidoLa Fontana della Tazza di Porfido particolareLa Fontana della Tazza di Porfido particolare lateraleLa Fontana della Tazza di Porfido olio su tela